NEWSLETTER RETE DASI FVG

Respingimenti informali. Slovenia condannata per aver respinto un richiedente asilo

La ministra Lamorgese durante la sua visita a Trieste del 13 luglio ha rivendicato come buona prassi per regolare gli arrivi dalla Rotta balcanica i respingimenti informali dei richiedenti asilo verso la Slovenia. I respinti vengono poi a loro volta respinti verso la Croazia e attraverso violenze e vere e proprie torture largamente denunciate e documentate rimandati al punto di partenza vale a dire la Bosnia.

In questo modo si impedisce di fatto ai profughi di fare richiesta di domanda d’asilo in Croazia, in Slovenia e in Italia.

Il 16 luglio il Tribunale amministrativo della Slovenia ha giudicato illegale il respingimento di un richiedente asilo appartenente alla minoranza anglofona del Camerun.

Al suo ingresso in Slovenia l’uomo, di cui sono note le iniziali J.D., era stato trattenuto per due giorni in una stazione di polizia presso il confine. Gli era stato negato l’accesso alla procedura d’asilo sebbene l’avesse ripetutamente chiesta. Respinto in Croaziacontro le norme dell’Unione Europea“, come si legge nella sentenza, da qui era stato ulteriormente rinviato in Bosnia ed Erzegovina.

Nella sua sentenza, il Tribunale amministrativo ha stabilito che la Slovenia ha violato il diritto d’asilo (articolo 18 della Carta europea dei diritti fondamentali), il divieto di espulsioni collettive (articolo 19.1) e il principio di non respingimento (articolo 19.2).

J.D., che attualmente si trova in Bosnia ed Erzegovina, riceverà un risarcimento di 5.000 euro e potrà entrare in Slovenia per chiedere protezione internazionale. Sempre che in appello non venga data ragione al Ministero dell’Interno di Lubiana, che ha annunciato il ricorso.

- SOSTEGNAMO E PARTECIPIAMO -

Vedi anche

Solidarietà a Strada Si.Cura e Linea d’Ombra

Comunicato stampa Preoccupa l’autorizzazione ad una manifestazione anti-immigrati prevista per sabato 24 nel tardo pomeriggio in Piazza libertà a Trieste, una piazza dove si trovano...

Trieste, cura sanitaria e sociale contro ogni discriminazione

Beatrice, attivista di La Strada Si.Cura ci aggiorna sulla situazione a Trieste e sul confine italo-sloveno.L'intervista è stata realizzata da Eleonora Sodini, redazione di...

Respingimenti illegali: la società civile lancia una rete europea

10 organizzazioni in 11 paesi europei hanno avviato una partnership con l’obiettivo di denunciare e contrastare l’uso illegale di respingimenti e altre violazioni dei...

Articoli recenti

Sul certificato di nascita, non riconosciuto come diritto fondamentale dopo la legge 94/2009, art. 1 comma 22 lettera G, per tutti i nati in...

Siamo un gruppo di cittadini e cittadine, alcune partecipanti alla Rete Diritti Accoglienza e Solidarietà Internazionale, e desideriamo porre alla vostra attenzione la necessità...

Udine, migranti “accolti nei bus”, la lettera delle associazioni: “Inumano e degradante”

ActionAid, ASGI, Intersos e molte associazioni locali: “Inumano e degradante, i Prefetti utilizzino gli strumenti legali del Decreto Cura Italia per garantire un’ospitalità dignitosa...

MANIFESTAZIONE 26 SETTEMBRE ADESIONI

PER ADERIRE INVIA UNA MAIL A retedirittifvg@gmail.com Leggi l'appello Time For Africa Udine Arci Arcipelago Cordenons La Tela Udine Ospiti in Arrivo Udine El Tomat Buja (UD) GRIS FVG FVG Fondazione Istituto...