NEWSLETTER RETE DASI FVG

Lamorgese e i respingimenti informali fra verità e menzogne. Rilanciamo la manifestazione del 26 a Udine

Come noto nel corso della sua visita a Trieste il ministro dell’Interno Lamorgese ha evidenziato, rispondendo alle domande dei giornalisti, che le riammissioni non possono riguardare i richiedenti asilo. Si tratta di una dichiarazione di grande importanza che tenta di ripristinare una legalità violata dallo stesso Governo italiano quando, a fine giugno, ha formalmente sostenuto l’opposto ovvero che si possono respingere in Slovenia anche i richiedenti asilo, in spregio alle norme internazionali e al diritto interno.
Solo due giorni dopo la visita a Trieste lo stesso Ministro tuttavia ha riferito in Senato che sono state 872 le riammissioni verso la Slovenia tra il 1 gennaio e il 7 settembre. Un numero abnorme che non ha precedenti. Chi sono dunque le persone straniere riammesse se non sono i richiedenti asilo? Dai dati disponibili risulta che vengono respinti, a centinaia, persino persone provenienti da aree di guerra come l’Afghanistan e l’Iraq in chiaro bisogno di protezione internazionale.
La ministra Lamorgese ha rivendicato quindi il successo delle riammissioni di cittadini stranieri quando è chiaro che esse hanno colpito in larga parte di richiedenti asilo ai quali è stato impedito di chiedere ed ottenere protezione in Italia; inoltre ha altresì assicurato che verranno persini intensificati i controlli di frontiera e che le riammissioni continueranno.
Un quadro di contraddizioni, omissioni, violazioni delle leggi e furberie veramente inaccettabile.
Sono finora oltre 55 le associazioni, enti, cooperative che hanno finora aderito alla manifestazione indetta dalla Rete per sabato 26 settembre 2020 a Udine e le adesioni continuano ad arrivare. La Rete e le associazioni aderenti pretendono dunque assoluta chiarezza sulla reale cessazione delle riammissioni degli stranieri che alle frontiere e del territorio intendono chiedere asilo ristabilendo realmente la legalità così gravemente violata.
- SOSTEGNAMO E PARTECIPIAMO -

Vedi anche

Solidarietà a Strada Si.Cura e Linea d’Ombra

Comunicato stampa Preoccupa l’autorizzazione ad una manifestazione anti-immigrati prevista per sabato 24 nel tardo pomeriggio in Piazza libertà a Trieste, una piazza dove si trovano...

Trieste, cura sanitaria e sociale contro ogni discriminazione

Beatrice, attivista di La Strada Si.Cura ci aggiorna sulla situazione a Trieste e sul confine italo-sloveno.L'intervista è stata realizzata da Eleonora Sodini, redazione di...

Articoli recenti

Sul certificato di nascita, non riconosciuto come diritto fondamentale dopo la legge 94/2009, art. 1 comma 22 lettera G, per tutti i nati in...

Siamo un gruppo di cittadini e cittadine, alcune partecipanti alla Rete Diritti Accoglienza e Solidarietà Internazionale, e desideriamo porre alla vostra attenzione la necessità...

Udine, migranti “accolti nei bus”, la lettera delle associazioni: “Inumano e degradante”

ActionAid, ASGI, Intersos e molte associazioni locali: “Inumano e degradante, i Prefetti utilizzino gli strumenti legali del Decreto Cura Italia per garantire un’ospitalità dignitosa...

MANIFESTAZIONE 26 SETTEMBRE ADESIONI

PER ADERIRE INVIA UNA MAIL A retedirittifvg@gmail.com Leggi l'appello Time For Africa Udine Arci Arcipelago Cordenons La Tela Udine Ospiti in Arrivo Udine El Tomat Buja (UD) GRIS FVG FVG Fondazione Istituto...