NEWSLETTER RETE DASI FVG

Home Blog Pagina 9

SEAWATCH. COMUNICATO STAMPA ASGI

0

LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI UMANI ORDINA ALL’ITALIA DI PROVVEDERE IMMEDIATAMENTE ALLA TUTELA DEI DIRITTI DEI MIGRANTI A BORDO DELLA SEAWATCH

ASGI: L’immediato sbarco dei migranti continua a costituire l’unica modalità di esecuzione del provvedimento.

Con un provvedimento urgente, sollecitato da SeaWatch e dai migranti a bordo della nave, la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha ordinato in via di urgenza alle autorità italiane di:

– “adottare tutte le misure necessarie, nel più breve tempo possibile, al fine di garantire ai ricorrenti le cure mediche, il cibo, l’acqua e i beni di prima necessità necessari, fino a ulteriori comunicazioni”

– “Con riferimento ai 15 minori non accompagnati [presenti a bordo], si ingiunge al Governo di fornire un’assistenza giuridica adeguata (in particolare, la nomina di un tutore)”.

La Corte ha inoltre richiesto al Governo di tenerla informata circa le misure adottate a tal fine, esplicitamente prefigurando un nuovo intervento nel prossimo futuro, se necessario.

La Corte ha quindi riconosciuto che la SeaWatch è sottoposta alla giurisdizione italiana e il Governo italiano è soggetto ad obblighi giuridici internazionali di tutela dei diritti fondamentali delle persone a bordo, al fine di garantirne la dignità e l’integrità psicofisica.

Nonostante la Corte non si sia spinta a indicare esplicitamente, come richiesto dai ricorrenti, l’immediato sbarco dei migranti salvati dalla SeaWatch3, tale soluzione, seguita dalla prima accoglienza in strutture adeguate e insieme in ogni caso dalla immediata nomina di un tutore per i minori non accompagnati, continua a costituire l’unica modalità di esecuzione del provvedimento che garantisca l’ottemperanza a quanto richiesto e agli altri obblighi che gravano sull’Italia, incluso quello di porre fine ad una arbitraria privazione della libertà degli interessati.

In ogni caso, ASGI sottolinea con forza che la valutazione circa le misure necessarie a garantire assistenza medica adeguata non ha natura politica, ma deve essere fondata su una rapida, attenta e indipendente valutazione medico-sanitaria, tenuto conto della vulnerabilità delle persone interessate, anche in conseguenza delle gravissime e sistematiche violenze subite nel loro percorso migratorio, i cui devastanti effetti sono esacerbati dal naufragio e dalla permanenza forzata negli spazi inadeguati della SeaWatch3.

ASGI chiede quindi con fermezza che il Governo, in esecuzione del provvedimento della Corte, provveda immediatamente:

– ad autorizzare l’accesso della SeaWatch3 nel porto di Siracusa e lo sbarco immediato delle persone che si trovano a bordo;

– a garantire una prima accoglienza delle persone sbarcate, in luoghi idonei, ove possano ricevere assistenza medica e di prima necessità;

– a nominare senza ritardo alcuno uno o più tutori per i minori stranieri non accompagnati, garantendo a questi ultimi tutti i diritti previsti dalla legge italiana.

Qualora, invece, il Governo insistesse pervicacemente nello strumentale braccio di ferro posto in essere con altri Stati sulla pelle dei migranti, ASGI confida in un nuovo, rapido e più incisivo intervento della Corte, al fine di tutelare i diritti solennemente enunciati nella Convenzione e di porre fine a questa ennesima pagina di vergogna della recente storia repubblicana.

Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione

Quelli che si allontanano da Omelas

0

di Ursula K. Le Guin
(titolo originale: The Ones Who Walk Away from Omelas)
Con un clamore di campane che fece volare altissime le rondini, la Festa dell’Estate arrivò nella città di Omelas, con le sue torri fulgide in riva a mare. Il sartiame delle barche nel porto scintillava di bandiere. Per le vie, tra le case dai tetti rossi e dalle facciate dipinte, tra i vecchi giardini invasi dal muschio e sotto i viali alberati, oltre i grandi parchi e gli edifici pubblici, avanzavano le processioni. Alcune erano decorose: vecchi in lunghe vesti rigide color malva e grigie, gravi maestri artigiani, donne tranquille e ilari che portavano in braccio i loro figlioletti e camminavano chiacchierando.
In altre vie, la musica aveva un ritmo più svelto, uno scintillio di gong e tamburelli, e la gente avanzava danzando, la processione era una danza. I bambini correvano dentro e fuori, e i loro acuti richiami s’innalzavano come i voli incrociati delle rondini sopra la musica e i canti. Tutte le processioni si snodavano verso la parte settentrionale della città, dove sul grande prato
irriguo chiamato Campi Verdi ragazzi e ragazze, nudi nell’aria luminosa, con i piedi e le caviglie macchiati di fango e le lunghe braccia agili, allenavano prima della corsa gli irrequieti cavalli. Questi non avevano finimenti ma solo cavezza senza morso. Le criniere erano intrecciate di nastri argentei, dorati, verdi. Dilatavano le narici o scalpitavano e si vantavano reciprocamente; erano immensamente eccitati, poiché il cavallo è l’unico animale che ha adottato come proprie le nostre cerimonie.
Lontano, a nord e a ovest, sorgevano le montagne, che cingevano per metà Omelas sulla sua baia. L’aria del mattino era limpida e la neve che incoronava ancora le Diciotto Vette ardeva di un fuoco d’oro bianco attraverso le distese di aria assolata, sotto l’intenso azzurro del cielo. C’era abbastanza vento da far garrire di tanto in tanto gli stendardi che delimitavano la pista della corsa. Nel silenzio dei vasti prati verdi si poteva udire la musica che si snodava per le vie della città, ora prossima e ora lontana ma in costante avvicinamento: una gaia e lieve dolcezza dell’aria che di tanto in tanto tremolava e si raccoglieva e prorompeva nel grande scampanio gioioso.
Gioioso! Come si può parlare della gioia? Come descrivere i cittadini di Omelas?
Non erano gente semplice, vedete, sebbene fossero felici. Ma noi non diciamo molto spesso, ormai, le parole della gioia. Tutti i sorrisi sono divenuti arcaici. Data una descrizione come questa, si tende a formulare certe ipotesi. Data una descrizione come questa si tende a cercare il re, montato su uno splendido stallone e circondato dai suoi nobili cavalieri, o magari su una lettiga d’oro portata da schiavi muscolosi. Ma non c’era un re. Non usavano le spade, e non avevano schiavi. Non erano barbari. Non conosco le regole e le leggi della loro società, ma credo che fossero pochissime. Come facevano a meno della monarchia e della schiavitù, così facevano a meno anche della borsa-titoli, della pubblicità, della polizia segreta e della bomba.
Eppure ripeto che non erano gente semplice, pastori zuccherosi, buoni selvaggi, miti utopisti. Non erano meno complessi di noi. Il guaio è che noi abbiamo la pessima abitudine, incoraggiata dai pedanti e dai sofisticati, di considerare la felicità come qualcosa di abbastanza stupido. Solo la sofferenza è intellettuale, solo il male è interessante. Questo è il tradimento dell’artista: il rifiuto di riconoscere la banalità del male e la terribile noia della sofferenza. Se non potete batterli, unitevi a loro. Ma elogiare la disperazione significa condannare la gioia, abbracciare la violenza significa abbandonare tutto il resto. Abbiamo quasi perduto la presa: non sappiamo più descrivere un uomo felice, né celebrare la gioia. Come posso parlarvi degli abitanti di Omelas? Non erano bambini ingenui e felici, anche se i loro figli erano effettivamente felici. Erano adulti maturi, intelligenti, appassionati, le cui vite non erano disastrate. Oh miracolo! Ma vorrei poterlo descrivere meglio. Vorrei riuscire a convincervi. Nelle mie parole, Omelas sembra una città di favola, lontana nel tempo e nello spazio, “c’era una volta”. Forse sarebbe meglio che la immaginaste come ve la suggerisce la fantasia, ammesso che sia all’altezza della situazione, perché di certo non posso accontentarvi tutti. Per esempio, la tecnologia? Credo che non ci sarebbero vetture o elicotteri per le vie e sopra le vie: questo consegue dal fatto che gli abitanti di Omelas sono felici. La felicità si basa sulla giusta discriminazione di ciò che è necessario. Nella categoria mediana, però (quella del superfluo non distruttivo, della comodità, del lusso, dell’esuberanza, e così via), potrebbero benissimo avere il riscaldamento centrale, la metropolitana, le lavatrici, e tutti i meravigliosi congegni non ancora inventati qui: sorgenti luminose fluttuanti, energia senza combustibile, la cura per guarire il comune raffreddore. Oppure potrebbero non averli: non importa. Come vi piace. Io tendo a pensare che la gente venuta dalle città più in su e più in giú sulla costa sia arrivata negli ultimi giorni prima della Festa su trenini velocissimi e tram con l’imperiale, e che la stazione ferroviaria di Omelas sia il più bell’edificio della città, benché più semplice del magnifico mercato agricolo. Ma anche concedendo i treni, temo che finora Omelas non vi faccia una bella impressione. Sorrisi, campane, sfilate, cavalli … Beh! In tal caso, vi prego di aggiungere un’orgia. Se un’orgia può servire, non esitate. Però non immaginate templi da cui escono sacerdotesse e sacerdoti di fattezze bellissime, già per metà in estasi e pronti ad accoppiarsi con chiunque, uomo o donna, innamorato o estraneo, che aspiri all’unione con la profonda divinità del sangue, sebbene questa fosse la prima idea. Ma per la verità sarebbe meglio non avere templi a Omelas: o almeno non templi gestiti dagli umani. Religione sì, clero no. Senza dubbio i bellissimi ignudi possono andarsene in giro offrendosi come divini soufflé alla fame del bisognoso e all’estasi della carne. Lasciamo che si uniscano alle processioni. Lasciamo che i tamburelli risuonino sopra gli accoppiamenti e che lo splendore del desiderio sia proclamato dai gong, e (particolare non privo d’importanza) lasciamo che poi la progenie di questi riti deliziosi sia amata e curata da tutti. Una cosa che a Omelas so che non esiste è il rimorso. Ma cos’altro dovrebbe esserci? In un primo momento pensavo che non ci fossero droghe, ma questa è una mentalità puritana. Per quelli che l’apprezzano, la lieve e persistente dolcezza del drooz può profumare le vie della città, il drooz che dapprima arreca grande leggerezza e splendore alla mente e alle membra, e poi, dopo alcune ore, un languore sognante, e infine meravigliose visioni degli arcani e dei segreti dell’universo, oltre a eccitare incredibilmente il piacere del sesso; e non dà assuefazione. Per i gusti più modesti, credo che dovrebbe esserci la birra. Cos’altro, cos’altro c’è nella città gioiosa? Il senso della vittoria, sicuramente; la celebrazione del coraggio. Ma come abbiamo fatto a meno del clero, così facciamo a meno dei soldati. La gioia costruita sul massacro non è la gioia giusta, non va bene: è spaventosa e banale. Una sconfinata e generosa contentezza, un trionfo magnanimo sentito non già contro un nemico esterno ma in comunione con le più belle e raffinate anime di tutti gli uomini e lo splendore dell’estate del mondo: è questo che colma i cuori degli abitanti di Omelas, e la vittoria che festeggiano è quella della vita. Davvero, non credo che siano in molti ad aver bisogno del drooz. Quasi tutte le processioni hanno raggiunto ormai i Campi Verdi. Un meraviglioso odore di cucina esce dalle tende rosse e blu dei mercanti di commestibili. Le facce dei bambini sono amabilmente appiccicose; nella benigna barba grigia di un uomo sono aggrovigliate alcune briciole di torta. I giovani e le ragazze sono montati sui loro cavalli e cominciano a radunarsi intorno alla linea di partenza. Una vecchietta grassa e ridente distribuisce fiori da un canestro, e giovani uomini alti portano quei fiori nei lucenti capelli. Un bambino di nove o dieci anni siede al limitare della folla, solo, e suona un flauto di legno. La gente si ferma ad ascoltare, e tutti sorridono; ma non gli parlano, perché non smette mai di suonare e non li vede, e i suoi occhi scuri sono completamente assorti nell’esile e dolce magia della musica. Finisce, e abbassa lentamente le mani che stringono il flauto di legno. Come se quel piccolo silenzio privato fosse un segnale, all’improvviso squilla una tromba dal padiglione accanto alla linea di partenza: imperiosa, malinconica, penetrante. I cavalli s’impennano sulle snelle zampe, e alcuni rispondono con un nitrito. Seri in volto, i giovani cavalieri accarezzano il collo dei cavalli e li calmano mormorando: – Buono, buono, bello, speranza mia -. Cominciano a schierarsi lungo la linea di partenza. La folla lungo la pista è come un campo d’erba e di fiori al vento. La Festa dell’Estate è incominciata. Lo credete? Accettate la festa, la città, la gioia? No? Allora lasciate che descriva un’altra cosa.
In un seminterrato, sotto uno dei bellissimi edifici pubblici di Omelas, o forse nella cantina di una delle spaziose case private, c’è una stanza.
Ha una porta chiusa a chiave, e non ha finestre. Un po’ di luce polverosa filtra fra le crepe delle tavole, e indirettamente da una finestra coperta di ragnatele di fronte alla cantina. In un angolo della stanzetta un paio di strofinacci, ancora induriti e incrostati e fetidi, stanno vicino a un secchio arrugginito. Il pavimento è sporco, un po’ umido, com’è di solito nelle cantine. La stanzetta è lunga circa tre passi e larga due: uno stanzino delle scope o un ripostiglio in disuso. Nella stanza è seduto un bambino. Potrebbe essere un maschietto o una femminuccia. Dimostra circa sei anni, ma in realtà si avvicina ai dieci. È scemo. Forse è nato così, o forse è diventato stupido per la paura, la denutrizione e l’abbandono. Si mette le dita nel naso e di tanto in tanto giocherella vagamente con le dita dei piedi o i genitali, mentre siede aggobbito nell’angolo più lontano dal secchio e dai due strofinacci. Ha paura degli strofinacci. Li trova orribili.
Chiude gli occhi, ma sa che gli strofinacci ci sono lo stesso e che la porta è chiusa a chiave e che non verrà nessuno. La porta è sempre chiusa a chiave; e non viene mai nessuno, solo che qualche volta – il bambino non sa cosa sia il tempo – la porta fa un rumore terribile e si apre e lascia apparire una persona, o parecchie persone. Una, magari, entra e sferra un calcio al bambino per costringerlo ad alzarsi. Le altre non si avvicinano mai, ma sbirciano con occhi impauriti e disgustati. La ciotola del cibo e la brocca dell’acqua vengono riempite in fretta, la porta viene richiusa, gli occhi scompaiono. La gente sulla porta non dice mai niente; ma il bambino, che non è vissuto sempre nel ripostiglio e può ricordare la luce del sole e la voce di sua madre, talvolta parla.- Sarò buono – dice. – Fatemi uscire, per favore. Sarò buono. – Loro non rispondono mai. Un tempo il bambino urlava per invocare aiuto, di notte, e piangeva parecchio; ma adesso si limita a piagnucolare, “ehhaa, ehhaa”, e parla sempre meno spesso. È così magro che le sue gambe non hanno polpacci; il ventre è gonfio; vive di una mezza ciotola di farina di granturco e di grasso al giorno.
È nudo. Le natiche e le cosce sono una massa di piaghe infette, perché sta seduto di continuo tra i suoi escrementi.
Tutti sanno che è lì, tutti gli abitanti di Omelas. Alcuni sono venuti a vederlo, altri si accontentano di sapere che è lì. Tutti sanno che deve stare lì.
Alcuni di loro comprendono perché, e alcuni no; ma tutti capiscono che la loro gioia, la bellezza della loro città, la tenerezza delle loro amicizie, la salute dei loro figli, la saggezza dei loro dotti, l’abilità dei loro fabbricanti, perfino l’abbondanza dei loro raccolti e il benigno clima dei loro cieli, dipendono interamente dall’ abominevole infelicità di quel bambino.
Di solito ciò viene spiegato ai bambini tra gli otto e i dieci anni, appena sembrano in grado di comprendere; e quasi tutti quelli che vengono a vedere il bambino sono giovani, sebbene spesso un adulto venga (o torni) a vedere il bambino. Per quanto la cosa sia stata loro spiegata bene, i giovani spettatori sono sempre scandalizzati o nauseati da quello spettacolo.
Provano disgusto, al quale si ritenevano superiori. Provano collera, sdegno, impotenza, nonostante tutte le spiegazioni. Vorrebbero fare qualcosa per il bambino. Ma non possono far nulla. Se il bambino venisse portato alla luce del sole, fuori da quel posto fetido, se venisse pulito e nutrito e confortato, sarebbe davvero una bella cosa; ma se questo avvenisse, in quel giorno e in quell’ora tutta la prosperità e la bellezza e la gioia di Omelas avvizzirebbero e verrebbero annientate. Queste sono le condizioni.
Scambiare tutto il bene e la grazia di ogni vita di Omelas per quel piccolo unico miglioramento: gettare via la felicità di migliaia di persone per la possibilità di renderne felice una sola: questo significherebbe veramente lasciar entrare il rimorso tra quelle mura.
Le condizioni sono rigorose e assolute: al bambino non si può rivolgere neppure una parola gentile.
Spesso i giovani tornano a casa in lacrime, o in preda a una rabbia senza lacrime, quando hanno visto il bambino e fronteggiato il terribile paradosso. Magari ci rimuginano sopra per settimane o per anni. Ma col passare del tempo cominciano a rendersi conto che, anche se il bambino potesse essere liberato, non guadagnerebbe molto dalla sua libertà: il piccolo e vago piacere del calore e del cibo, senza dubbio, ma poco di più. E troppo degradato e scemo per conoscere la vera gioia. Ha avuto paura troppo a lungo per poter essere libero dalla paura. Le sue abitudini sono troppo squallide perché possa reagire a un trattamento umanitario. Dopo tanto tempo, probabilmente si dispererebbe perché non avrebbe intorno i muri che lo proteggono, e l’oscurità per i suoi occhi, e i suoi escrementi su cui sedersi. Le loro lacrime per la tremenda ingiustizia si asciugano quando incominciano a percepire la terribile giustizia della realtà e ad accettarla.
Eppure sono le loro lacrime e la loro collera, la prova della loro generosità e l’accettazione della loro impotenza, a costituire forse la vera fonte dello splendore delle loro vite. La loro non è una felicità svampita e irresponsabile. Sanno che loro, come il bambino, non sono liberi.
Conoscono la pietà. Sono l’esistenza del bambino e la conoscenza della sua esistenza a rendere possibile la nobiltà della loro architettura, il significato della loro musica, la profondità della loro scienza. È a causa del bambino che sono così gentili con i bambini. Sanno che se quell’infelice non fosse là a piagnucolare nel buio, l’altro, il suonatore di flauto, non potrebbe suonare una musica gaia mentre i giovani cavalieri si allineano, bellissimi, per la corsa, nel sole della prima mattina d’estate.
Adesso credete in loro? Non sono un po’ piú credibili? Ma c’è un’altra cosa da aggiungere, e questa è veramente incredibile.
Talvolta uno degli adolescenti (maschio o femmina) che va a vedere il bambino non torna a casa per piangere o ribollire di rabbia: anzi, non torna a casa per niente. Talvolta anche un uomo o una donna di età più avanzata tace per un giorno o due e poi se ne va via da casa. Costoro escono in strada e s’incamminano soli per la via. Continuano a camminare ed escono dalla città di Omelas, attraverso le bellissime porte.
Continuano a camminare, attraverso le terre coltivate di Omelas. Ognuno va solo, giovane o ragazza, uomo o donna. Cade la notte: il viandante deve percorrere le vie dei villaggi, tra le case con le finestre illuminate di giallo, e procedere nell’oscurità dei campi. Da solo, ognuno di loro si dirige a ovest o a nord, verso le montagne.
Proseguono. Lasciano Omelas, procedono nell’oscurità, e non tornano indietro. Il luogo verso cui si dirigono è un luogo ancora meno immaginabile, per molti di noi, della città della gioia. Non posso descriverlo. È possibile che non esista. Ma sembra che loro sappiano dove stanno andando, quelli che si allontanano da Omelas…
FINE



Ursula Kroeber Le Guin (1929), figlia dello storico antropologo Alfred
Kroeber, è stata una delle primi donne a scrivere di fantascienza arrivando
all’apice della notorietà con La mano sinistra delle tenebre (1969) e I reietti
dell’altro pianeta (1974). La sua produzione ha messo al centro della
fantascienza i temi del conflitto sociale, culturale, sessuale. La profondità e
attualità dei suoi temi, che spaziano dal femminismo all’utopia e al
pacifismo, hanno reso i suoi romanzi noti e apprezzati in tutto il mondo.

È stato il vento

0

Domenico Lucano racconta gli inizi dei progetti accoglienza fine anni Novanta: “E’ stato il vento che ha spinto un veliero carico di curdi sulla spiaggia di Riace”

Il Comitato si propone di svolgere un ruolo di impulso e mediazione con le associazioni presenti nel territorio di Riace e con chiunque in Italia e in Europa ha a cuore questa straordinaria esperienza per riprendere e strutturare le attività solidali che hanno reso il modello Riace famoso a livello internazionale attraverso una Fondazione di partecipazione. La scommessa è impegnativa: far ripartire l’accoglienza dei rifugiati, riaprire le botteghe, il ristorante, la fattoria didattica, il turismo solidale. Chiediamo a tutti di sostenere questo percorso realizzando eventi e raccogliendo fondi sul conto di Banca Etica:

“Comitato E’ Stato il Vento” – IBAN IT48P0501801000000016787921

“Certo che visti da fuori, il gruppetto di persone che sabato 12 gennaio nella biblioteca di Caulonia ha messo le basi per la Costituzione di un Comitato promotore della futuraFondazione di partecipazione “E’ stato il vento”, poteva apparire ben strano. Un missionario Comboniano Alex Zanotelli, due magistrati Livio Pepino, Emilio Sirianni, una componente della comune autogestita Longo Mai Barbara Vecchio, Gianfranco Schiavone riconosciuto esperto in materia di migrazione, un medico che conosce i sotterranei della Terra seguendo Zanotelli, oggi quelli di Napoli: Felicetta Parisi, una componente di Recosol Chiara Sasso. Tutti gli aderenti sono a titolo personale così com’è stato richiesto espressamente dal sindaco di Riace. E poi soprattutto l’onore di avere a fianco una persona come Giuseppe Lavorato, già Deputato della Repubblica e sindaco di Rosarno quando questo paese della Piana di Gioia Tauro era conosciuto per i progetti all’avanguardia. Lavorato segretario della sezione PCI di Rosarno venne intervistato da Giorgio Bocca per il libro l’Inferno e così descritto: «… è uno dei pochi che continuano a battersi e a guardarlo mi si stringe il cuore. È un uomo bello e fiero, Lavorato, l’onestà e il coraggio gli splendono negli occhi, nel viso. Ora capisco cosa vuol dire “a viso aperto”, è il viso di chi dice ciò che deve dire, che non ha da pentirsi per quello che ha fatto e checontinuerà a fare.». Non a caso Peppino Lavorato è stato eletto come presidente Onorario del neo Comitato. “E’ Stato il Vento”, così iniziano spesso i racconti di Domenico Lucano sulla storia dei progetti a Riace. Il vento che ha spinto quel veliero carico di curdi sulla spiaggia ionica del piccolo paese. Un poco più in là o un poco più in qua e forse la storia avrebbe preso una piega diversa? Chi può dirlo? La stessa cosa succede tutti i giorni quando ci si incontra e ci si conosce. Riace ha anche questa caratteristica: far stare insieme persone con percorsi diversi: magistrati e missionari, anarchici, avvocati, giornalisti, sindacalisti, amministratori, scrittori e scombinati. Avanti c’è posto. Insieme per cercare in ogni modo di supportare questo piccolo comune della Locride, diventato nel tempo un simbolo. Il Comitato avrà il compito di preparare la costituzione della Fondazione di partecipazione, raccogliendo i fondi necessari ed esplicando tutte le formalità necessarie. La scommessa è impegnativa: far ripartire tutti i progetti, riaprire le botteghe, il ristorante, la fattoria didattica il turismo diffuso.

Mai più lager – NO AI CPR

0


APPELLO PER L’ADESIONE

Da anni l’approccio ai cambiamenti della società in Europa ha assunto caratteristiche profondamente securitarie, al di là del “colore” dei governi, anche perché il sistema socio-economico imposto ha bisogno di un mondo a metà: ricchi da una parte e poveri dall’altra. Questo tipo di modello non può che generare conflitti sociali e militari, e di conseguenza costruire artificiosamente la domanda di sicurezza di cui si nutrono gli stessi governi neoliberisti, o le forze reazionarie e populiste. Muri, paure e repressione sono le risposte utili solo a nascondere la volontà di non creare giustizia sociale, l’unica cosa che permetterebbe la vera “sicurezza” per tutte e tutti.In particolare, sul tema migrazioni, vengono utilizzati strumenti normativi emergenziali per affrontare un fenomeno invece strutturale, trasformando le persone in numeri o in problemi e privandole, di fatto, dell’identità stessa di essere umano portatore di diritti: il primo passo è quello di impedire ogni integrazione e regolarizzazione sul territorio. In Italia siamo nel pieno della seconda fase: quella della creazione di “irregolari” tra coloro che già erano integrati.Contemporaneamente, la narrazione tossica dei grandi mezzi di comunicazione e delle stesse istituzioni si serve della distorsione di percezione dell’opinione pubblica per alimentare le proprie velleità securitarie e aumentare il disagio sociale, identificando la persona migrante come nemico sul quale poter scaricare più facilmente le colpe della dissoluzione dello stato sociale, che non si sa o non si vuole più mantenere.Ed è così che, in questa ottica, l’annuncio dell’attuale governo italiano di voler accelerare la riapertura dei centri di detenzione amministrativa per stranieri – i CPR (Centri di Permanenza per i Rimpatri) – rivela ancora una volta la continuità di visione che ha connotato negli anni l’evolversi delle varie leggi in merito: i CPR della Minniti-Orlando (2017) trovano il loro antecedente nei CPT della Turco Napolitano (1998) e nei CIE della Bossi-Fini (2002).E i CPR – ne siamo ben consapevoli – sono (solo) la punta di un iceberg, l’emblema, l’incarnazione dell’incubo del porto franco da ogni minima garanzia di diritti umani, civili e sociali: opporsi alla ricostruzione di questi luoghi significa rifiutare la logica securitaria che sottende alla loro realizzazione.

Sotto il simbolo MAI PIU’ LAGER! – NO AI CPR, al di là dello specifico tema della riapertura dei CPR, possono riconoscersi tutte e tutti coloro che credono nei valori costituzionali e vogliono impegnarsi per la difesa di principi basilari a cui attenta il decreto di Salvini, ora legge (che ha trovato la strada spianata dalle leggi dei governi precedenti). Perché non si tratta solo dei diritti delle persone migranti: con il pretesto della “sicurezza” si è cercato di rimettere in discussione principi e diritti anche di chi la cittadinanza italiana ce l’ha.

La rete MAI PIU’ LAGER! – NO AI CPR oggi vuole quindi crescere e relazionarsi con tutte le forme di mobilitazione e aggregazione che in questo paese stanno crescendo, intersecandosi con altri soggetti aventi gli stessi obiettivi. Propone azioni e rivendicazioni attraverso le quali ciascuno può impostare la propria attività di mobilitazione sul proprio territorio e nei propri ambiti di azione.È tempo di decidere da che parte stare. Noi non stiamo dalla parte della legalità a tutti i costi: quando la legge diventa ingiusta, i costi – in termini di umanità e di affievolimento dei diritti – diventano insostenibili.

Noi scegliamo di stare dalla parte dei diritti.Il prossimo 16 febbraio scenderemo in piazza per una manifestazione che vogliamo di respiro nazionale, perché coloro che, insieme alla rete MAI PIU’ LAGER! – NO AI CPR, si assumono l’impegno a costruire una Resistenza quotidiana che rimetta al centro i diritti di tutte e tutti, lo proclamino quel giorno anche nelle piazze e nelle strade.

Scegli da che parte stare: per adesioni alla rete scrivi a noaicpr@gmail.com

Per le richieste e sollecitazioni ad istituzioni e società civile :

Per l’appello e la versione sintetica delle rivendicazioni tradotti in inglese: https://www.facebook.com/notes/mai-pi%C3%B9-lager-no-ai-cpr/towards-a-daily-and-widespread-civil-resistance-to-defend-the-rights-of-migrant-/410055256232653/

8 Marzo a Como con Non Una Di Meno ACA – Associazione Culturale per l’Autogestione Accesso Cooperativa Sociale AccoglierSi Adesso Educatrici del Comune di Milano per l’emergenza profughi Alex Zanotelli Altra Europa/Como Amici del Parco Trotter Anarco-Pacifismo Milano Andi Nganso Antigone Lombardia ANPI sez. “Luigi Conti” – Monguzzo Territorio Erbese ANPI Tradate (VA) ANPI zona 8 Milano Arci Como Arci Milano Arci Noerus Como Arci Lombardia ASA Onlus Associazione Solidarietà AIDS ASGI – Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione Associazione Culturale Todo Modo Associazione di Amicizia Italia-Cuba Milano Associazione Diritti e Frontiere ADIF Associazione Diritti per Tutti Brescia Associazione Laudato si’ Associazione per i Diritti umaniAssociazione Solidarietà Attiva Brescia Associazione Todo Cambia Associazione Villa Amantea Assopace Palestina Milano Atei Antirazzisti Bergamo Bambini di Ornella Baia del Re Banda degli Ottoni a Scoppio Baraonda Bebo Storti Bergamo Migrante Antirazzista Bianca Pitzorno Brianza Antifascista Antirazzista Antisessista Bruno Cartosio Cambio Passo Aps Onlus Camera del Lavoro CGIL di Como Camera del Lavoro CGIL di Milano Camera Penale di Milano Campagna LasciateCIEntrare Cantiere Carovane Migranti Torino Casa della Carità – Fondazione “A.Abriani” Casa della Sinistra Seregno Casaloca Casa per la Pace Milano Casa Sherwood Cascina Torchiera Casc Lambrate Cecilia Strada Centro di Accoglienza Casa di Betania Onlus Centro di Iniziativa Proletaria “G. Taqarelli” Ciclofficina RuotaLibera Città Studi CIG Arcigay Circolo Proletari Comunisti Milano Circolo Vizioso Como Circolo Zanna Bianca Legambiente CISDA – Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane CiSiamo Civitas Como Codici Ricerche Collettivo 09 Collettivo Ambrosia Collettivo Carducci Collettivo Studenti Ferruccio dell’Orto Bergamo Cologno Solidale e Democratica Comitato Abitanti di SansiroComitato Antisfratti Brescia Comitato Berta Vive Milano Comitato Lombardo antifascista Comitato Milanese Acquapubblica Comitato Municipio 8 a sostegno del progetto Mediterranea Comitato per la Democrazia Costituzionale Municipio 4 Milano Comitato per la liberazione di Leonard Peltier – Milano Comitato Senza Confini BresciaComo Accoglie Como Senza Frontiere Comunità Curda Milanese Consorzio Farsi Prossimo Cooperativa Garabombo Coordinamento Comasco No Omofobia Coordinamento dei Collettivi StudenteschiCoordinamento Nord Sud del Mondo Coro di Micene Coro Voci di Donne Corrente Alternativa Costituzione Beni Comuni CRAL – Coordinamento Regionale Asilo LombardiaCross Point Brescia Degenerazione Diem 25 DSC Como Diem 25 Milano Elly Schlein Federazione Anarchica Milano FILCAMS CGIL Milano FIOM CGIL Como FIOM CGIL Lombardia FIOM CGIL Milano FOA Boccaccio 003 MonzaForum Sociale Anticapitalista Bresciano Fronte Palestina Milano Fuori Luogo Fuorimercato Milano GASP Spazio Mutuo Soccorso Gruppo d’Acquisto Solidale Popolare Garante dei Diritti delle Persone Private della Libertà per il Comune di Milano Gianni Tognoni Giovani Comunisti/e Como Giuseppe Civati Glamourga Hopeball Il Giardino degli Aromi i-Light Città Studi Il Porto – Ponte San Pietro, Dalmine, Mapello Jose Luiz Del Roio Kascina Autogestita Popolare Angelica “Cocca” Casile La Città dei Comuni La Comune L’ Altra Europa/Sinistra Europea Cremona Lambretta La Prossima Como Lato B Lavocedelmigrante Legambiente Bergamo Le Radici e Le Ali Libellula Liberi e Uguali Milano Lodo Guenzi (Lo Stato Sociale) Luigi De Magistris Lume Macao – Nuovo centro per le arti la cultura e la ricerca Marco RovelliMediterranea Municipio 8 Mediterraneo Antirazzista Milano Memoria Antifascista MIA Milano Informata e Attiva Milano Antifascista Antirazzista Meticcia e Solidale Milano in Comune Milano in Comune Municipio 3 Milano in Comune Municipio 5 Milano in Movimento Milano Senza Frontiere Missionari Comboniani Venegono Superiore Moni Ovadia Mshikamano Nabad Onlus – Spazio Mondi Migranti Nawal Soufi Naga Onlus Nessuna Persona é Illegale NOI – Noi Onesti Italiani Non Una Di Meno Milano NoWalls Ortika Compagnia Teatrale Osservatorio Democratico sulle nuove destre Osservatorio novarese sulle nuove destre Osservatorio Solidarietà Carta di Milano Pacì Paciana Palestina Rossa Parallelo Palestina Partito Comunista dei Lavoratori Lombardia Partito Comunista Italiano Fed. Milano Partito Comunista Italiani Reg. Lombardia Partito dei CAR Lombardia e Milano Partito della Rifondazione Comunista Bergamo Partito della Rifondazione Comunista/SE – Federazione Provinciale Como Partito della Rifondazione Comunista/SE – Federazione Provinciale Cremona Partito della Rifondazione Comunista Lombardia Partito della Rifondazione Comunista Milano Partito della Rifondazione Comunista – nazionale Partito Umanista Penny Wirton Milano Percorsi Possibile Lombardia Possibile Milano Potere al Popolo Bergamo Potere al Popolo Milano Potere al Popolo Nord Ovest Milano/Bollatese Potere al Popolo Varese Pressenza Progetto 20K Progetto Melting Pot Europa Propagazione Bergamo Redazione di Milano Lotta Continua Refugees Welcome Milano Renato Sarti Resilia Rozzano Resilient GAP – Glocal Action Project Resistenza AnimaleRete Antirazzista Catanese Rete Bresciana No CPR Rete Brianza Pride Rete della Conoscenza Rete della Conoscenza MilanoRete Femminista No Muri,No Recinti Rete Studenti MilanoRiace Premio Nobel per la Pace Rimaflow, fabbrica recuperata in autogestione Ri-Make Rob de Mat Rsu Fiom Almaviva Saltimbanchi Senza Frontiere Scuola di Italiano per Stranieri “L’Italiano per tutti” Scuola di Italiano Serale di Rebbio Sentinelli di Milano Sharazade – Cultura e Spettacolo Senza Frontiere SI COBAS Nazionale Sinistra Anticapitalista Sinistra Classe Rivoluzione Sinistra Italiana Como SinistraXMilano SLAI Cobas per il Sindacato di Classe Bergamo Spazio Aperto Multietnico Spazio Jurka Bergamo Sportinzona St. Ambroeus Stare Al Galla Studenti Indipendenti Statale Territori – Natura arte cultura Como The Good News Female Gospel Choir The Submarine UDI Velia Sacchi Bergamo Un’Altra Storia Varese Unione degli Studenti di Como Unione degli Studenti Lombardia Unione Inquilini Bergamo UniSì – Uniti a Sinistra USB Lombardia Vermi di Rouge Via Padova via del Mondo Vittorio Agnoletto We want to play Ya basta! Milano ZAM ZIP Zona 8 Solidale

Migranti, de Magistris scrive al comandante della “Sea Watch”: “Pronti ad accogliervi”

0

Io e miei cittadini, scrive il Sindaco, siamo molto preoccupati per le condizioni delle persone che Lei ha salvato e ringraziamo Lei e il Suo equipaggio per lo straordinario lavoro che fate e per la grande prova di umanità e di amore che concretamente testimoniate.
La preoccupazione per le condizioni delle persone che avete sottratto al mare mi spinge, a nome dell’intera Città di Napoli, a chiederLe formalmente di volgere la prua verso la nostra Città, certi che sarete accolto nel nostro porto.
Se poi la protervia del Ministro dovesse spingersi fino ad impedirLe di entrare, sappia che abbiamo già disponibili 20 imbarcazioni che, in sicurezza, raggiungeranno la Seawatch3 per portare a terra le persone che Lei sta ospitando.