NEWSLETTER RETE DASI FVG

Migranti, la rotta dei diritti negati

foto di Valerio Nicolosi
 
Quelli che leggerete sono numeri noti a chi si occupa della cosiddetta “rotta balcanica” ma che, messi insieme dentro un dossier, fanno capire quanto gli abusi, le violenze e il non rispetto delle leggi internazionali siano divenute la norma lungo il tragitto più battuto dai profughi che vogliono arrivare in Europa.

di Valerio Nicolosi

Rivolti ai Balcani” è una nuova piattaforma composta da 36 realtà diverse che, ognuna con le sue specificità e competenze, si è messa in rete per cercare di portare all’attenzione le violazioni dei diritti umani, tutti documentati nel “Dossier Balcani”, presentato lo scorso sabato a Milano proprio dalla piattaforma.

Il dossier ripercorre la storia di queste rotte, diverse tra loro ma con lo stesso fine: arrivare nell’Europa Nord-Occidentale. Il racconto parte dal settembre 2015, quando fu trovato sulla spiaggia di Bodrum il piccolo Alan Kurdi, morto durante un tentativo di arrivare nell’isola di Kos, a poche miglia dalle cose turche. Ed è proprio il 2015, in piena crisi umanitaria in Siria, che si registra il picco di presenze: circa 765 mila persone quell’anno hanno attraversato i diversi paesi, arrivando via mare e via terra.

Quello fu l’anno della crisi diplomatica tra Macedonia e Grecia, con la chiusura della frontiera e l’assembramento nel campo di Idomeni, sul lato greco del confine. Fu soprattutto l’anno della barriera innalzata tra Serbia e Ungheria, voluta da Orban nel mese di luglio per chiudere la frontiera dell’area Schengen ai profughi.

Gli accordi con che l’Unione Europea ha firmato con la Turchia del 2016 per bloccare il flusso hanno ridotto il passaggio di persone ma al tempo stesso hanno scavato la tomba dei diritti umani nel Mediterraneo Orientale.

Da quegli avvenimenti la situazione è cambiata, così come è cambiata la rotta e contestualmente i numeri. Nel 2019 solo in Grecia hanno registrato 74.613 arrivi: di questi la gran parte hanno continuato verso Nord in un percorso fluido che cambia in continuazione per evitare blocchi e impedimenti che i governi mettono in atto.

Oggi il cuore della rotta – e delle violazioni – sono in Serbia, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Slovenia e ormai anche in Italia. Nel dossier si parla di respingimenti ma soprattutto di riammissioni, basate su accordi bilaterali tra Paesi e che sono diventate la normalità in questi paesi.

“Noi contestiamo la legittimità di questa pratica in primis perché un accordo bilaterale tra Paesi non può sostituire una normativa europea sulle migrazioni e poi perché, trattandosi di persone che possono chiedere la protezione umanitaria, non è possibile mandarle indietro con un foglio in cui si attesta solo il loro ingresso illegale in Italia e nient’altro.” dice Anna Brambilla, avvocata del foro di Milano e socia ASGI, tra le relatrici della presentazione del dossier.

Uno dei temi è proprio questo, perché le riammissioni che fa l’Italia verso la Slovenia vengono attuate senza una procedura ma solo con un foglio in cui si attesta che queste persone sono entrate illegalmente in Italia. Da Trieste o Gorizia vengono portate in Slovenia, dalla Slovenia in Croazia, sempre sulla base di un accordo bilaterale, e infine in Bosnia o in Serbia, da dove erano partiti giorni prima.

Dai profughi sulla Rotta Balcanica questo tentativo di viaggio verso Trieste e oltre viene chiamato “Game”, una lotteria difficile da vincere perché i Paesi coinvolti hanno dispiegato le proprie polizie di frontiera in modo capillare.

E sono proprio le polizie un altro punto chiave del dossier, che si sono rese protagoniste di numerosi fatti di violenza.

“Abbiamo denunciato più volte fatti di violenza e abusi commessi dalla polizia croata, uno degli ultimi è contro un gruppo di 16 persone provenienti dall’Afghanistan e dal Pakistan che sono stati fermati in territorio croato, hanno subìto 5 ore di violenze e percosse, venendo infine umiliati con della maionese e del ketchup versati sopra le ferite” racconta Paolo Pignocchi di Amnesty International, anche loro nella piattaforma “Rivolti ai Balcani”.

“Dopo questo trattamento una persona si aspetta di essere arrestata e di subire un processo ma in quel modo il profugo potrebbe denunciare quello che gli hanno fatto e così, dopo 5 ore di violenze e umiliazioni, sono stati riportati nel bosco al confine con la Bosnia. Alcuni di loro non erano nemmeno in grado di camminare e sono stati soccorsi da una ONG”. aggiunge Pignocchi.

Tornare in Bosnia vuol dire tornare in un sistema d’accoglienza che non funziona, organizzato su grandi campi dove è impossibile accedere ai servizi di prima necessità e dai quali di fatto non si può uscire, nemmeno per fare la spesa, pena l’espulsione.

Di violazioni dei diritti umani e abusi ne ha parlato anche The Guardian, con un’inchiesta di Lorenzo Tondo e Daniel Boffey, i quali sono entrati in possesso di uno scambio di mail tra la Commissione Europea e le autorità di Zagabria, dove si parlava apertamente di “coprire” gli abusi della polizia di frontiera croata.

La Croazia ogni anno riceve 7 milioni di euro per il controllo delle frontiere, più 300 mila euro di “bonus” per il rispetto dei diritti umani, nonostante tutte le denunce che arrivano proprio sul comportamento delle forze dell’ordine.

Ma il vero problema è l’invisibilità: se non si viene registrati dalle autorità, siano esse italiane, slovene o croate, non c’è traccia del proprio passaggio in Europa e quindi mancano le basi per un’eventuale denuncia di abusi o per presentare ricorso per la protezione umanitaria o l’asilo.

“Hanno messo in atto la criminalizzazione della solidarietà” chiosa Pignocchi, “così come è avvenuto per le ong che fanno soccorso in mare. È una tendenza europea e molte organizzazioni hanno ricevuto minacce o sono state allontanate. Il dossier e la piattaforma servono proprio a mettersi insieme e ad avere più forza nelle nostre denunce”.
(1 luglio 2020)
- SOSTEGNAMO E PARTECIPIAMO -

Vedi anche

Solidarietà a Strada Si.Cura e Linea d’Ombra

Comunicato stampa Preoccupa l’autorizzazione ad una manifestazione anti-immigrati prevista per sabato 24 nel tardo pomeriggio in Piazza libertà a Trieste, una piazza dove si trovano...

Trieste, cura sanitaria e sociale contro ogni discriminazione

Beatrice, attivista di La Strada Si.Cura ci aggiorna sulla situazione a Trieste e sul confine italo-sloveno.L'intervista è stata realizzata da Eleonora Sodini, redazione di...

Respingimenti illegali: la società civile lancia una rete europea

10 organizzazioni in 11 paesi europei hanno avviato una partnership con l’obiettivo di denunciare e contrastare l’uso illegale di respingimenti e altre violazioni dei...

Articoli recenti

Sul certificato di nascita, non riconosciuto come diritto fondamentale dopo la legge 94/2009, art. 1 comma 22 lettera G, per tutti i nati in...

Siamo un gruppo di cittadini e cittadine, alcune partecipanti alla Rete Diritti Accoglienza e Solidarietà Internazionale, e desideriamo porre alla vostra attenzione la necessità...

Udine, migranti “accolti nei bus”, la lettera delle associazioni: “Inumano e degradante”

ActionAid, ASGI, Intersos e molte associazioni locali: “Inumano e degradante, i Prefetti utilizzino gli strumenti legali del Decreto Cura Italia per garantire un’ospitalità dignitosa...

MANIFESTAZIONE 26 SETTEMBRE ADESIONI

PER ADERIRE INVIA UNA MAIL A retedirittifvg@gmail.com Leggi l'appello Time For Africa Udine Arci Arcipelago Cordenons La Tela Udine Ospiti in Arrivo Udine El Tomat Buja (UD) GRIS FVG FVG Fondazione Istituto...